Viaggi

Quel pellegrino del Pachulli – Chiesa di San Pio (San Giovanni Rotondo – FG)

Amici miei! Finalmente, dopo una lunga settimana di allerta e “aiuto aiuto, si salvi chi può” da parte di tutti i principali telegiornali nazionali, è finalmente arrivata la neve anche in Brianza! Evviva! Non ne potevamo fare proprio a meno! … oddio… sembrava dovesse fare la nevicata del secolo, invece viene giusto qualche fiocchetto misto ad acqua… ma comunque nevica e non oso immaginare cosa succederà sulle strade.

Questo tempo un po’ così mi ha fatto venire voglia di alzarmi dal mio lettuccio caldo e mettermi al pc per raccontarvi qualcosa. Diciamo che avrei dovuto scrivere questo articoletto circa 2 annetti fa… ma lo sapete… sono un po’ pigrolino…

Con il post di oggi vi parlo di una gitarella fatta con i padroncini nel 2012, durante il nostro meraviglioso soggiorno nella bellissima Puglia. Vi ricordate? Vi avevo raccontato già qualcosa su quel viaggio in questo post, dove vi avevo accennato che ci sarebbe stato un seguito “religioso”.

Durante il nostro soggiorno garganico abbiamo infatti deciso di dedicarci per una giornata alla spiritualità e andare a visitare il famosissimo Santuario dedicato a San Pio a San Giovanni Rotondo.

Diciamo la verità… non sono esattamente un amante di questo genere di cose… ma il tempo era brutto e la curiosità era tanta e allora… perché non andare?

P1140717

Commissionata dall’Ordine dei Frati Minori Cappuccini della provincia di Foggia e inaugurata nel 2004, la Chiesa di Padre Pio, adiacente al preesistente Santuario e convento dove Padre Pio visse, fu progettata dal famosissimo architetto Renzo Piano per poter accogliere lo spropositato numero di pellegrini, che ogni anno si recano a San Giovanni Rotondo per il suo Santo.

Questa chiesa di 6000 mq è in grado, pensate un po’, di contenere più di 7000 pellegrini in una sola volta ed è quindi considerata una delle più grosse chiese in Italia.

La struttura ha una forma molto particolare e pare ricordare un “nautilus”, mentre la sua pianta ricorda una spirale archimedea, il cui fulcro è posto nel centro dell’aula liturgica, dove è stato posizionato l’altare.
Se la chiesa ha una superficie di 6000 mq, lo spazio esterno ha una superficie ancora più grossa, pari a circa 8000 mq, caratterizzato da uno spazio delimitato da:

un particolarissimo campanile orizzontale e da una monumentale croce in pietra

P1140725

otto aquilotti anch’essi in pietra

P1140724

la vetrata della chiesa

P1140726

e dal boschetto di 24 ulivi secolari.

L’interno della struttura è davvero molto… pomposo. Al di là dell’essere DAVVERO grande, considerando che la struttura accoglie al suo interno due chiese, quella superiore, suddivisa in tre ambienti (quali la sala liturgica, la cappella dell’eucaristia e la sagrestia) e quella inferiore, di dimensioni più contenute, ospitante la cripta con la salma del santo, tre sale conferenze, sale di accoglienza dei pellegrini con relativi servizi e zone per i gruppi di preghiera e la penitenzieria, interamente insonorizzata, al cui interno sono posti 31 confessionali, è stato decorato davvero in grande stile!

La chiesa superiore è caratterizzata dalla presenza di archi in pietra di Apricena, da una vetrata di più di 100 infissi (rappresentante una scena dell’Apocalisse) e da un altare realizzato da Arnaldo Pomodoro e la chiesa inferiore (la cripta, per essere più precisi) è completamente ricoperta da un mosaico d’oro, che , vi giuro, fa quasi venire mal di testa.

P1140710

Inoltre, pare ci siano delle leggende metropolitane che ruotano intorno a questo Santuario… diciamo che sembra che Renzo Piano si sia divertito un po’, aggiungendo qua e là simboli massonici. Bah. Ai posteri l’ardua sentenza.

Ora, sapete che amo lamentarmi di tutto e che sono un orsetto decisamente troppo prolisso quindi… se siete dei sostenitori accaniti di Padre Pio vi conviene fermarvi qui. Altrimenti continuate pure a leggere e fatemi sapere cosa ne pensate.

Punto primo: la chiesa è davvero bella. Troppo bella. Ok, pare sia stata costruita grazie alle donazioni fatte dai pellegrini… Nulla da dire su Renzo Piano, è un gran architetto e ha fatto delle cose davvero meravigliose in tutto il mondo… ma quest’opera forse è un po’ troppo esagerata per il significato che dovrebbe dare. Inoltre la considero anche piuttosto inutile, visto che accanto, come vi dicevo, c’è già un’altra meravigliosa chiesa.

Seconda cosa… era necessario tutto questo? L’oro… il mega altare… la mega struttura… No. Padre Pio da Pietralcina, se non sbaglio, non era altro che un semplice frate e, in quanto tale, aveva deciso di dedicare la sua intera vita ai bisognosi. Giusto? Ok, ha fatto grandi miracoli nella sua vita ma… secondo me… dal paradiso… dopo aver visto quello che è stato costruito a suo nome… gli ha preso un colpo.

Terzo, ve lo chiedo PER PIACERE. Evitiamo di comprare nelle chiese e fuori dalle chiese il merchandising brandizzato (con questo intendo santini, candele, statuette e altro). È una VERGOGNA che un santino con una piccola preghiera costi anche solo € 0,20. È una vergogna che le candele acquistate non possano essere accese dai fedeli. È una vergogna che il frate di turno, prima di darti la benedizione, controlli se hai messo l’offerta all’interno dell’offertorio (si, ho assistito anche a questo!) ed è una vergogna che si “giochi”, anzi… che si guadagni con il dolore e la disperazione dei pellegrini.

Ah, quasi dimenticavo! Magari evitiamo di farci le foto davanti alle reliquie e alle spoglie dei Santi… per di più mettendoci in posa… è davvero triste.

P1140713

Non è questo, secondo me, quello che vorrebbe Padre Pio.

Ok, basta, ho già detto troppo… alla prossima, amici del Pachulli, con un nuovo sfogo!

Ps. Ha già smesso di nevicare, qui in Brianza!

Info:
Sito ufficiale del Santuario: www.conventosantuariopadrepio.it
Portale turistico di San Giovanni Rotondo: www.visitsangiovannirotondo.com
Portale turistico della Regione Puglia: www.viaggiareinpuglia.it

Annunci

3 thoughts on “Quel pellegrino del Pachulli – Chiesa di San Pio (San Giovanni Rotondo – FG)

  1. Condivido appieno tutto.
    Sono stata a San Giovanni Rotondo prima che finissero di costruire la nuova chiesa e quella vecchia, dove aveva pregato ed operato Padre Pio, mi è apparsa perfetta. Certo era un po’ piccolina per ospitare tutti i fedeli che ogni giorno, specialmente nel periodo primavera/estate, affollano il santuario, però questa nuova chiesa è troppo. Io non l’ho vista personalmente ma mia madre sì e mi ha riferito le tue stesse considerazioni. Purtroppo attorno a questo grande uomo si sta lucrando moltissimo. A parte che in ogni chiesa/santuario/basilica si chiede un’offerta per benedire oggetti sacri. Un prete che conoscevamo quando ero piccola disse a mia madre che qualsiasi cosa tu indossi quando ricevi la benedizione è benedetta a sua volta. Uno dei pochi a pensarla così purtroppo. Siamo tornati un po’ al medioevo dove per ricevere la grazia plena da ogni peccato bastava pagare.
    Mchan
    Ps: sei mai stato ad Assisi? E’ un vero paradiso dei sensi…

  2. Carissima,
    grazie per il tuo supporto! Io adoro Renzo Piano, Potzdamer Platz a Berlino è la mia sua opera in assoluto preferita! … ma… boh… per quanto questo Santuario possa essere davvero bello boh, c’è qualcosa in lui che non mi affascina.

    Io Pachulli non sono mai stato ad Assisi, anche se spero di andarci presto (un bel tour nella verdeggiante Umbria lo sogno da sempre!), padroncina (e forse anche padroncino) c’è stata un paio di volte ed è sempre rimasta estasiata dalla sua splendida architettura e dalle sue splendide chiese. Non credo che la situazione sia tanto diversa da San Giovanni Rotondo (ma anche al Santuario di Sant’Antonio a Padova ho visto pessime cose), però per lo meno la città è bella e quindi l’arrabbiatura passa 🙂

  3. Concordo con alcuni punti del tuo resoconto, in particolare mi da molto fastidio vedere la gente farsi immortalare davanti le reliquie di un santo come se fossero davanti al portiere della nazionale di calcio, anche se purtroppo viviamo in un epoca in cui gran parte della gente non riesce a separare il sacro dal profano. Per quanto riguarda l’eccessiva bellezza della Nuova Chiesa di Renzo Piano il mio parere è che se si può fare qualcosa di straordinario e bello (perchè quest’opera lo è) bisogna farlo, comunque complimenti per l’articolo l’ho trovato interessante e ben scritto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...